pagina iniziale

Verifica di apprendimento

 

In corrispondenza delle lezioni vengono riportate delle domande relative alle lezioni stesse.

Lo studente deve essere in grado di rispondere alle domande.

 

# argomento Domande a cui si deve saper rispondere
1

Prolusione: inquadramento generale del corso (prima parte)

 

2

Prolusione: inquadramento generale del corso (seconda parte)

3

Grandezze oggetto di misura, loro materializzazione. Treppiedi e basette.

Materializzazione degli elementi di definizione delle grandezze oggetto di misura

Livelle sferiche, livelle toriche. Funzione, caratteristiche e ambiti d’uso.

Uso combinato di livelle e viti calanti per rendere verticale un asse.

Definizione di asse di collimazione di un cannocchiale topografico

Definizione di asse ottico di un cannocchiale topografico

Funzione della lente interna nel  cannocchiale topografico

Differenza tra teodolite e tacheometro.

Cosa è l’errore di eccentricità dell’alidada? Come si elimina la sua influenza sulla determinazione degli angoli azimutali?

Cosa si intende per zenit strumentale? Come si determina?

A cosa serve la metodologia detta di Bessel di doppia lettura con cerchio a destra e cerchio a sinistra?

4

Uso combinato di livelle e viti calanti per rendere orizzontale/verticale un asse.

5

Il cannocchiale topografico.

6

Strumenti per la misura di angoli. Possibili srettifiche e strategie per eliminare l'influenza.

7

Strumenti per la misura di distanze e strumenti integrati.

8

Il livello e la determinazione dei dislivelli mediante livellazione geometrica.

Cosa si intende per condizione di rettifica di un livello? Con che procedura si ovvia al non conseguimento di tale condizione?

Schema della determinazione di dislivelli mediante livellazione geometrica

9

Impostazione del problema cartografico. L'inquadramento planimetrico.

Che cosa è e a che cosa serve il Geoide?

Che cosa è e a che cosa serve l’Ellissoide?

Che significato ha dire che la carta di Gauss conserva gli angoli?

Cosa si intende quando si parla di rappresentazione conforme? La carta di Gauss è conforme?

Funzione dei caposaldi di livellazione

Funzione dei vertici trigonometrici

Definizione di distanza topografica. Passaggio da distanza reale a topografica nei diversi ambiti operativi

10

Sviluppo storico della Geodesia e approfondimenti sul Geoide.

11

Il sistema Gauss-Boaga. Ambiti operativi e relative approssimazioni.

12

Inserimento di misure topografiche nella carta di Gauss.

13

L'inquadramento altimetrico.Le reti nazionali altimetriche. Cenni su altri sistemi di proiezione.

14

Il sistema GPS.

Principio su cui si basa il sistema GPS.

15

Il rilievo topografico planimetrico. L'inquadramento e il dettaglio. Triangolazioni.

Funzione delle reti di infittimento. Elencare  le metodologie operative di misura e sistemi di calcolo per la determinazione delle coordinate dei punti di tali reti. Illustrare, in particolare, le procedure di misura e calcolo necessarie per determinare le coordinate dei punti delle “poligonali”.

Funzione delle reti di inquadramento. Caratteristiche dei punti di rete. Metodologie operative di misura e sistemi di calcolo per la determinazione delle coordinate di tali punti.

Scrivere e commentare la relazione analitica che lega l’angolo di direzione fra due punti alle coordinate degli stessi.

Costruzione della planimetria nel rilievo topografico a grande scala dall’inquadramento al rilievo di dettaglio: fasi di realizzazione e metodologie topografiche da adottare.

16

Il rilievo topografico planimetrico.Convezioni sugli angoli di direzione. Intersezioni, poligonali.

17

Il rilievo topografico planimetrico. Il rilievo di dettaglio. Il rilievo altimetrico.

18

Materiale cartografico classico. Enti cartografici di Stato.Committenza e Industria .

Contenuti metrici e qualitativi delle carte tecniche alle differenti scale

Cartografia tecnica alla scala 1:2000; cartografia catastale alla scala 1:2000. Contenuti e ambiti di utilizzazione

19

Dalla cartografia classica alla cartografia numerica: schemi concettuali.

Caratteristiche e contenuti della cartografia numerica.

Contenuto qualitativo e metrico di cartografia numerica a grande scala nominale

Il concetto di scala nominale

Funzione della codifica nella cartografia numerica

Il contenuto altimetrico della cartografia numerica

Il contenuto planimetrico della cartografia numerica

Congruenze geometriche planimetriche e altimetriche

La fase di editing cartografico nella cartografia numerica

20

Strutturazione dei dati nella cartografia numerica. Impostazione generale.

21

Strutturazione dei dati nella cartografia numerica. Congruenze geometriche.

22

Metodi di produzione: topografico, fotogrammetrico, per digitalizzazione

telerilevamento

laser a scansione aereo

laser a scansione terrestre

Principio su cui si basa la fotogrammetria e ambiti di utilizzazione

Rilievo topografico e rilievo fotogrammetrico. Ambiti di utilizzazione dell’uno e dell’altro metodo.

Rilievo integrato topografico e fotogrammetrico per cartografie a grande scala

Cartografia raster acquisizione e georeferenziazione

Trasposizione in forma vettoriale della cartografia raster

Metodi di produzione della cartografia numerica

Riprese multispettrali e multitemporali

principio di funzionamento del laser a scansione

 

23

Esempi di cartografie numeriche per differenti tipi di utenti.

 

24

Metodi topografici per il collaudo e il monitoraggio di grandi strutture.

Metodi topografici per il controllo delle strutture. Determinazione di spostamenti orizzontali.

Metodi topografici per il controllo delle strutture. Determinazione di spostamenti verticali.

Illustrare cosa si intende quando, riferendosi al  controllo delle strutture, si parla di metodi variometrici e di metodi per differenza di posizione.

25

Metodi topografici per il collaudo e il monitoraggio di grandi strutture.